LA NUOVA PIRAMIDE ALIMENTARE

Messa in discussione anche la classica differenziazione tra carboidrati semplici e carboidrati complessi che non è la più adeguata per una scelta alimentare equilibrata. Non tutti i carboidrati hanno le stesse valenze nutrizionali. I carboidrati complessi come pane, pasta e riso, collocati una volta alla base, secondo la nuova piramide alimentare devono essere relegati all’ apice della piramide stessa.                                                                  Si tratta di un sovvertimento radicale, in quanto un gruppo di alimenti che prima rappresentava la base dell’alimentazione quotidiana, è oggi classificato come “consumare in maniera limitata”. Perché? A livello nutrizionale la differenza tra queste due categorie è dovuta alla loro diversa propensione a rilasciare glucosio nel sangue (indice glicemico).                                                                                                                                           Alla luce di queste considerazioni, scienziati ed esponenti d’istituzioni internazionali si sono confrontati e hanno elaborato la nuova piramide alimentare rivendendo la dieta mediterranea alla luce dei più recenti studi sull’alimentazione più sana ed equilibrata per l’organismo.

I benefici della dieta mediterranea

  • bassa incidenza di cardiopatia coronarica, di cancro al colon e di neoplasia mammaria;
  • riduzione del colesterolo totale e del colesterolo LDL (quello “cattivo”);
  • riduzione dell’obesità;
  • minore incidenza di diabete, infarto, aterosclerosi, ipertensione e malattie digestive.

La nuova piramide alimentare: l’evoluzione della dieta mediterranea

La nuova piramide evidenzia l’importanza di uno stile di vita sano e il rispetto della propria cultura tradizionale. Tre i punti fondamentali:

  • l’importanza della convivialità a tavola (anche nella scelta degli alimenti): fare del cucinare un’ attività importante. Cucinare può risultare essere rilassate, divertente;
  • stagionalità, biodiversità, eco-friendliness, prodotti tipici e locali: la scelta di alimenti freschi, di stagione, minimamente trasformati, ci assicura il massimo introito di sostanze e  nutrienti salutari per la nostra dieta e rispetto per l’ambiente;
  • l’importanza basilare dell’attività fisica.

La nuova piramide alimentare: cosa prevede

  • poca carne e tanti vegetali;
  • meno cereali raffinati e derivati e più cibi a basso indice glicemico (cereali integrali);
  • un maggiore utilizzo di grassi “buoni” (olio d’oliva extravergine, pesce, frutta secca oleosa con guscio, come noci, mandorle, pinoli);
  • l’uso di aromi ed erbe aromatiche al posto di intingoli complessi;
  • un buon ritmo fame-sazietà: preferite tanti piccoli e semplici pasti nell’arco della giornata;
  • una certa variazione degli alimenti nell’arco della settimana;
  • almeno un litro e mezzo di acqua al giorno: bisogna bere spesso e in piccole quantità limitando le bevande gassate e dolci;
  • dolci a tavola con parsimonia (ci si può concedere un paio di piccole porzioni alla settimana di dolci semplici e non elaborati).

IMPARA A CONSULTARLA!!!!!

Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.